Riparazione e Progettazione apparecchi Valvolari
Categorie
Support RealStereo
[We support Real Stereo!]

Advance Science XS-225R

DSCN6100

Ho ricevuto questo amplificatore a valvole circuiti integrati perche’ non andava un canale, quando l’ho tolto dalla scatola ho notato subito la sua incredibile leggerezza, impossibile per un vero valvolare, immaginavo gia’ cosa fosse realmente, tolgo 2 viti e ve lo mostro…

DSCN6097

DSCN6099

Ecco cosa suona veramente di questo amplificatore un pugno di operazionali che pilotano 4 bei chip in TO220.. e le valvole? bhe quelle sono la parte bella, perche’ l’amplificatore funziona anche senza, e addirittura meglio !

Allora questo amplificatore monta due 6N2 e due EL84. Le 6N2 sono alimentate a 12volt d’anodica e le EL84 a 22volt, esse non sono connesse come amplificatori di tensione (uscita anodica) dove seppur malamente (viste le tensioni anodiche veramente troppo basse) potevano provare ad amplificare, ma sono connesse ad inseguitore catodico, l’inseguitore catodico e’ un circuito a guadagno unitario intrinsecamente retroazionato al 100%. Sostanzialmente le valvole in questo amplificatore sono assolutamente vestigiali… inutili… una mera decorazione estetica. La connessione nel circuito con questa configurazione e’ solo per dare l’impressione che servano a qualcosa perche’ se le togli l’amplificatore effettivamente diventa muto ma la loro funzione resta inutile, infatti e’ possibile (come mostro nel video qui sotto) eliminare le valvole e bypassarle con un ponticello che l’amplificatore continua a funzionare addirittura con un tasso di distorsione leggermente inferiore e una potenza leggermente superiore !!!

Ho semplicemente ponticellato i pin di griglia e catodo delle varia valvole del canale.

Le strumentali

Distorsione:
Con le valvole inserite a 1Watt RMS: 0,079%
Senza valvole a 1 Watt RMS: 0,05%

Potenza:
Con le valvole inserite: 10Watt RMS su 8ohm
Senza valvole: 15Watt RMS su 8ohm

Banda passante: 35Hz~48khz -3db invariata sia con che senza valvole.

Conclusioni

Potra’ essere il mio giudizio personale, ma io credo che le valvole in questo apparecchio siano inutili, questo e’ un’amplificatore a transistor punto a basta, di certo e’ assolutamente da evitare lo spenderci soldi in valvole costose, messe li a far niente e ad evvelenarsi (l’avvelenamento del catodo avviene quando si fan funzionare valvole a tensioni anodiche troppo basse). Anzi sinceramente io credo che potrebbe suonare molto meglio eliminando le valvole del tutto. E credo che si possano avere gli stessi risultati spendendo anche meno, con un’apparecchio senza inutili decorazioni estetiche.

16 risposte a Advance Science XS-225R

  • Ma oramai piacciono i tubi in vista. Piace sentirli caldi e magari passandogli la mano vicino e vederne la luce soffusa. Pensa che 12 anni fa quando apparivano i primi “audiofili” ho preso un telaio ,ci ho staffato malamente due schifide PCL da televisore,due trasformatori di alimentazione di radio-cassette e un legrand da quadro elettrico. Un pò di cromo spray qualche leddino…

    E sotto…due bei TDA 2009 a ponte alimentati a 18 V stabilizzati.

    Ma come suona bene….senti che roll off….senti che smorzamento (e te credo ne aveva 120) …ma come spingono queste piccoline…

    Pensa che mi è arrivata una wattradio WR470FM anie flambè (anie…quando vedi questa sigla sai che è una ciofeca) cosa mi sono trovato? TU aperto ELfinale andata e un macello di condensatori esplosi…mi sa che ripeterò la magia del TDA finale…ma a differenza di tanti altri lascerò le parti fritte al loro posto

  • ultima aggiunta scusami. Anche come stato solido non mi piace. Sulla aletta dove agiscono i due finali (sembrerebbero addirittura dei TDA2030 ) e i due TO-220 sono troppo vicini e mal collegati con le altre alette che fanno da riserva di freddo.

    Cinesume? Ho visto ampli per auto fatti meglio. La potenza probabilmente aumenta perchè senza filamenti le tensioni salgono. Certo che se veramente sono TDA2030 è giocare sporco per lo smorzamento ….arrivano quasi a 200…Ovvio che i TU sono finti e qual blocchetto dietro alle valvole contiene solo un bell’alimentatore duale.

  • Prima di tutto ci andrei piano di parlare di “schifide PCL” perche’ ci sono “PCL” che suonano veramente bene, prima di tutto non e’ la valvola di per se’ che fa e non fa, perche’ una valvola e’ un componente che ha delle caratteristiche elettriche e dei limiti in base ai quali se sai progettare puoi tirare fuori certi risultati, che siano da TV importa ancora meno, la gente definisce le valvole TV valvole di “M” perche’ sono da TV e non audio, poi usano 6SN7 ECC88 e tante altre che sono tutte valvole nate per uso nei TV. Io ho a listino un’apparecchio economico con le PCL85 e suona molto meglio di molta roba che circola con valvole blasonate, perche’ e tutto l’insieme valvole progetto e trasformatori che fa il suono buono o cattivo. Quanto al giudizio della gente, senza termimi di paragone non vale niente, se uno non ha mai sentito niente di meglio affermera’ che anche il suono della piu’ sdozza fonovaligia lesa sia un suono meraviglioso.

  • No perche’ un’inseguitore catodico si assume avere guadagno unitario, ma in realta’ e’ sempre inferiore a 1, circa 0,9 e anche perche’ una EL84 alimentata a 24 volt semplicemente non ce la fa ad erogare corrente, ha un’accettazione infima e satura quindi clippano prima che il finale arrivi in fondo. Magari con valvole nuove ci va, ma alimentate a tensioni cosi’ basse le valvole anno vita molto breve.

  • in effetti la pcl 86 veniva usata come finale audio nei televisori e faceva il suo lavoro,a volte per 30 anni di fila senza mollare.
    Solo che vedendo quelle “P” davanti molta gente si comporta come il KKK quando vede qualcuno un pò più scuro. Ma quello era stato un caso estremo,di uno dei tanti che mettono i cavi che costano come oro e poi come segnale usano un lettore mp3 tascabile (all’epoca c’erano già) o un dvd di qualche marchio da 29,90 di quelli che hanno controllo motore e generazione del suono sullo stesso integrato. E magari 5mV di rumore elettrico ultrasonico sulle uscite.
    E manco si era accorto che l’ampli partiva in mezzo secondo da quando lo accendevi…
    Pensa che in campo trasmissione alcune valvole le usano ancora e tirano fuori….kilowatt.
    Sulla tensione io mi chiedo come possa funzionare,mi ricordo che c’era un ampollina ,la chiamavano “bigriglia” ,mai vista dal vivo che si accontentava di 20 volt,anche perchè comunque per le “altre” servono tutte altre tensioni. Ai tempi d’oro delle valvole le radio a batteria volevano 67,5 volt e qualcuna 90 volt

  • Il motivo per cui le valvole P non le usa quasi nessuno in audio e’ semplicemente legato a una questione di comodita’ di alimentazione del filamento, le valvole P essendo pensate per accensione in serie hanno ogniuna una tensione di accensione diversa, quindi dovresti fare dei TA dedicati per alimentarle, ma questo non centra niente le loro caratteristiche “sonore”, anche perche’ una PCC88 e’ esattamente uguale a una ECC88. le PCL cmq sono valvole che di natura hanno dentro un triodo di segnale e un pentodo di potenza e come tali si prestano a semplici SE mono valvola o pushpull con 2 valvole… in questo caso dalla via che devi far avvolgere un trasformatore su misura lo fai per alimentare i filamenti come ti pare, che siano E oppure P… ma di P ne trovi di piu’ e costano meno 🙂

  • mi hai fatto venire un ideuzza per un micro -vero valvolare da presentare sul mio forum Un paio di pcl 86 che magari fanno girare meno le scatole di quel push pull con alimentazione a SCR. Ti faccio sapere (quando funzionerà e se )

  • Non vedo come un SCR possa servire da alimentazione visto che puo’ essere solo on o solo off … a parte fare uno switching, in quel caso lascia perdere XD…

  • difatti….lo stadio a scr per ora è archiviato. Niente più controllo di fase …buttava fuori armoniche in gamma udibile,impulsi stretti di mezzo KV e richiedeva più componenti lui di tutto l’amplificatore. Al decimo diodo di recupero fritto lo ho sospeso dal servizio

  • Mha prima che riesci a fare qualcosa di veramente hifi ne passera’ ancora di acqua… capisco perche’ dici che non ti piacciono le valvole, non hai sentito un impianto valvolare ben fatto, se lo avessi sentito tutti quei bacherozzi li lasceresti nel cassetto.

  • purtroppo ogni zona ha le sue beghe. Se tu leggessi i MP che arrivano…. Da me sul forum a volte c’è gente che potesse mettere solo lo zoccolo e non la valvola e lo vorrebbe ugualmente suonante. Se pensi il motivo per cui si “sarebbero” dovuti usare gli scr?….per abbassare l’anodica in assenza di segnale. Ho avuto pure gente che si lamentava che il campanello di casa era da 15VA…..hanno chiesto se c’è n’erano che consumassero meno…terrificanti. Hai mai visto togliere i led spia perchè almeno il dvd non consuma se non lavora? io si….Pensa che la radio a valvole flambè a cui metterò un finale SS aveva le lampadine della scala tolte….per consumare meno.
    Ed è gente che gira con il bmw X8 o con il mercedes clk. Sto cominciando a non capire più la specie umana

  • Questa discussione e’ off topic, cmq quello che dici non ha senso, se uno ha la paranoia del consumare corrente fa un’amplificatore in PWM… Se lo fai a valvole allora cerchi qualita’ audio e qualsiasi cosa tu voglia fare per farlo consumare meno ti allontana dall’obbiettivo della qualita’ audio, la botte piena e la moglie ubriaca e’ impossibile da ottenere, i regolatori di tensione negli amplificatori audio si fanno lineari, io diverse volte li ho realizzati addirittura a valvole pure quelli, poi non mi interessa se un’amplificatore da 40Watt per canale ne consuma 400… Il risparmio elettrico lo cerco da altre parti, su cose che son accese per molto tempo, come computer e elettrodomestici o il trasformatore del campanello. Risparmiare su una cosa che usi qualche ora a settimana non ti fa risparmiare niente in termini di soldi, e sopratutto pregiudichi la qualita’ dell’audio… E’ come sposarsi una brutta donna per risparmiarsi la fatica, scusa ma quando ascolto musica voglio godere, se no userei gli altoparlantini della TV consumando ancora meno che a usare un’amplificatore SS di bassa qualita’.

  • dalle mie parti,almeno quelli che girano da me non sono così eruditi . L’ampli a valvole lo vogliono per vedere le valvole accese….poi se dentro ci metti l’ampli della macchina a loro va bene lo stesso,poi quando l’amico è uscito spengono i filamenti..Del resto loro spingono musica orrida (la stessa di una discoteca in zona piena di tossici) e vogliono vedere “ballare il bufer” .L’alimentatore a valvole l’ho visto una sola volta in vita mia nel laboratorio di dove ero a militare. Due 6L6 ,una 5U4 e un EF80 pesava come un accidenti. Serviva per fare funzionare senza il convertitore le radio veicolari. Pensa (e questo penso che non lo hai mai visto) c’era una sorta di motore elettrico che generava l’alta tensione. Quanto ho nostalgia dei uaz,dei tatra e dei miei 18 anni

  • Il mio alimentatore da banco non e’ mica leggero, quello con quattro PL504… cmq parlo di stabilizzatori montati su amplificatori, roba che non eroga tanta corrente, ho cmq usato le PCL84 nell’SB IT 2A3 per erogare i 6mA ai driver, e ho usato anche la PCL85 per stabilizzare l’alimentazione dell’uniphono. La gente che conosci tu io non l’ho mai vista, io conosco gente che se vedesse che faccio certe porcherie come mi hai raccontato tu girerebbe i tacchi e non li vedrei mai piu’, magari e’ perche’ tu stesso amministri un forum dove spingi queste schifezze, scusa ma per me sono schifezze.

  • nessun problema,sono apparecchi differenti ,in nessun titolo da me presente si parla di alta fedeltà. Me ne guarderei bene. Il mio è nato come divulgazione e elettronica ruspante. E’ dedicato a chi vuole costruire il suo primo ampli (meglio se con un solo integrato) . O ha rogne con la fonovaligia ( non valvolare si spera) E poco di più.

    Chi si rivolge a me bella grazia se sa cambiare i fusibili in auto,e vuole giusto arrivare a montare 5 componenti senza fare il botto. Non so come hai cominciato tu ma per chi iniza fare suonare un TDA2002 è già un passo sulla luna 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *