Riparazione e Progettazione apparecchi Valvolari
Categorie
Support RealStereo
[We support Real Stereo!]

Amplificatore per diffosori ad alta efficenza, Single ended 832a – QQE04/20 con trasformatore di uscita stereo

Qualche settimana fa ho presentato questo prototipo di trasformatore di uscita stereo costruito seguendo un brevetto di Giovanni Mariani (graaf) che mi ha gentilmente concesso il permesso di realizzarlo oltre a spiegarmi come pilotarlo.

Il suo brevetto e’ stato depositato nel 1998 e consiste, come penso abbiate gia’ capito, in un unico trasformatore di uscita per entrambe i canali, quindi stereofonico a tutti gli effetti. Ogni sezione del trasformatore e’ servita da uno stadio single ended indipendente. Stadi che pero’ lavorano in contro fase tra loro, questo fa si che alle basse frequenza (dove non esiste stereofonia) i 2 canali lavorino come un pushpull monofonico, incrementando l’efficienza del trasformatore e la potenza erogata ai diffusori. All’aumentare della frequenza audio diminuisce la potenza erogata ai diffusori ma aumenta la separazione dei canali, tutto questo in perfetta sintonia pero’ con quella che e’ la percezione umana, questo significa che NON si avra’ sensazione di minore volume sugli acuti o che l’amplificatore in qualche modo sia equalizzato, no assolutamente. La sensazione di ascolto e’ naturale, come in un amplificatore convenzionale con 2 trasformatori distinti e si nota una maggiore energia sui bassi dove un single ended (sopratutto se di potenza contenuta) normalmente potrebbe essere carente.

In pratica un’amplificatore costruito con questo trasformatore unisce le caratteristiche sia di un single ended che quelle di un pushpull in classe A.

L’intento del grande Mariani era quello di avere un grosso risparmio (sia economico che di ingombri) sul trasformatore di uscita, senza rinunciare pero’ alla qualita’ audio, per poter sfruttare quanto risparmiato per curare meglio altre parti dell’amplificatore. Il suo prototipo usa valvole GM70 ed e’ capace di erogare 30watt per canale in media e fino a 70 sulle basse frequenze!

Io invece quando ho saputo di questa possibilita’ tecnica ho pensato subito ad un’utilizzo molto diverso, ossia un’amplificatore che fosse veramente minimale, da pochi watt, pensato per essere usato con diffusori ad alta efficienza e che avesse il minimo dell’ingombro.

Questo prototipo che presento e’ stato concepito per contenere i costi, nonostante questo il risultato e’ davvero eccellente.

Nella versione finale del circuito ho aggiunto la prese per le cuffie e il commutatore per passare da altoparlanti e cuffie. La spia e’ a led bianco.

Ora qualche dettaglio: la valvola finale utilizzata e’ una 832a (equivalente QQE04/20) su zoccolo septar, e’ un doppio tetrodo a fascio, come driver c’e’ una EF80 o 6BX6 (io ho montato una 6P6 equivalente magnadyne) e una 6BL8 o ECF80. La rettificatrice e’ una 5Y3GT. La polarizzazione della finale e’ di tipo a bias fisso, sul retro dell’amplificatore ci sono 4 boccole per i puntali del tester e i fori per accedere a 2 trimmer multigiri per la taratura. Le dimensioni di base dell’amplificatore sono di 23x17cm.

2 risposte a Amplificatore per diffosori ad alta efficenza, Single ended 832a – QQE04/20 con trasformatore di uscita stereo

  • Sembra un ottimo lavoro. Complimenti. Mi sono interessato per questo amplificatore, per il fatto che molti anni fa, ho usato quella serie di valvole QQE… e fino adesso non aveva visto mai qualcuno che la utilizara. Inoltre, sempre mi hanno piaciuto gli amplificatori valvolari da piccole dimensioni. (inoltre a quelli normali)
    Un’altra cosa, quello trasformatore è davvero raro. La prima volta che ho visto un trasformatore unico e stereo, similare a quello della tua foto, fu su un progetto in una rivista d’ elettronica della Argentina, negli anni 60′. Erano dei primi apparecchi stereofonici.
    Cheers !

  • Hehehe, i trasformatori stereo che hai visto nelle riviste degli anni 60 pero’ non erano come questo, l’idea di base e’ quella, pero’ questo tipo di trasformatore stereo e’ un brevetto esclusivo, ha doti veramente HiFi, mentre quelli che si son visti negli anni 60 avevano una qualita’ sufficiente appena per una radio di fascia economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *